News

I benefici del Nordic Walking

Praticare il Nordic Walking in maniera corretta è fondamentale per ottenere i seguenti benefici:

  1. Permette un consumo energetico del 20, 30 e perfino del 40% superiore rispetto al Walking senza bastoncini, in ragione dalla qualità della tecnica applicata.
  2. Attiva un coinvolgimento muscolare di circa il 90% del totale della nostra muscolatura, vale a dire circa 600 muscoli.
  3. Alleggerisce l’apparato locomotore scaricando le articolazioni di schiena, anche, ginocchia e caviglie.
  4. Grazie al coinvolgimento attivo della muscolatura ausiliaria dell’apparato respiratorio, incrementa l’ossigenazione dell’intero organismo.
  5. Scioglie le contrazioni nella zona delle spalle e della nuca (zona cervicale).
  6. Scarica eventuali tensioni muscolari accumulate senza rischi di strappi o stiramenti.
  7. Mantiene in esercizio quattro delle cinque forme principali di sollecitazione motoria: resistenza, forza, mobilità, coordinazione; unica esclusa: la velocità.
  8. Rinforza il sistema immunitario.
  9. Stimola l’eliminazione degli ormoni originati dallo stress.
  10. Ritarda il processo di invecchiamento.
  11. Economizza il lavoro svolto dal cuore aiutando il ritorno venoso del sangue.
  12. Stabilizza i valori della pressione arteriosa.
  13. Armonizza il battito cardiaco che nei momenti di stress tende ad accelerare causando ansie e paure.
  14. Regola i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue: si consumano i grassi.
  15. Diminuisce i valori glicemici nelle patologie diabetiche.
  16. Protegge da osteoporosi e artrosi: infatti uno sforzo moderato e costante stimola la capacità delle ossa di assimilare il calcio e produce sostanze come l’elastina e il collagene che formano le cartilagini.
  17. Migliora l’umore perché il nostro corpo libera endorfine e serotonine, sostanze capaci di contrastare l’ansia e la depressione.
  18. Abbassa notevolmente la percezione della fatica consentendo un’attività fisica più prolungata.
sport_a_confrontomuscoli Il Nordic walking fa lavorare quasi il 90% dei muscoli del corpo in un unico movimento, dal momento che utilizza sia la parte inferiore che superiore: rafforza braccia, schiena e collo, esercitando addominali e pettorali.

(Diagramma di Tom Rutlin, 1988)